Il sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti per rendere migliore la navigazione. Per avere maggiori informazioni su tutti i cookie utilizzati, su come disabilitarli o negare il consenso all’utilizzo leggi l’informativa (link to provacy). Proseguendo nella navigazione presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Informativa Cookie policy

OK

Indici

LABORATORIO DI SPERIMENTAZIONE SUI PREZZI

Il monitoraggio dei prezzi rappresenta da decenni l'attività tradizionale svolta dalla Camera di Commercio di Milano che prosegue con la Camera di Commercio di Milano MonzaBrianza Lodi, attività che ha permesso di disporre di un notevole patrimonio informativo fine a se stesso se non opportunamente valorizzato. Si è deciso quindi di mettere a sistema la mole di dati di cui si era in possesso ideando nuovi strumenti a maggior valore aggiunto da mettere a disposizione degli operatori, strumenti che potessero rispondere alle sempre più pressanti richieste di maggiore trasparenza nella rappresentazione dei meccanismi di mercato.
Il risultato è la predisposizione di una serie di indicatori statistici che consentono di fornire una rappresentazione semplice e immediata delle principali dinamiche congiunturali e tendenziali in atto sui mercati delle commodity e dei semilavorati industriali nonché delle principali materie prime.
Per una completa informazione sono riportati, inoltre, gli indici ISTAT relativi al "Costo vita" e al Costo di costruzione di un fabbricato residenziale.

Indici INCOM Camera di Commercio di Milano MonzaBrianza Lodi-Prometeia

Nati dalla collaborazione fra la Camera di Commercio di Milano e Prometeia, sia per rispondere alla forte e crescente domanda di "trasparenza" sui meccanismi di funzionamento dei mercati che per valorizzare le informazioni sistematicamente raccolte sui prezzi all'ingrosso, gli indici sintetici INCOM descrivono lo stato della congiuntura in un particolare mercato (Cereali, Legnami, Metalli ferrosi, Metalli non ferrosi, Chimici di base, Materie plastiche, Materie prime per cartiere, Carte - Cartoncini e Cartoni) e fungono da leading indicator sulle prospettive a breve termine delle filiere. Consentono, inoltre di mettere a confronto gli andamenti dei prezzi ai vari stadi delle filiere (es. materie prime, semilavorati, prodotti finiti) e per i vari settori di utilizzo (es. acciai per l'industria vis à vis acciai per le costruzioni).

Gli indici dei metalli ferrosi e non ferrosi sono aggiornati al 2012. Al momento è in studio la possibilità di revisione e aggiornamento agli indici

vai agli Indici INCOM CCIAA Metropolitana di Milano-Monza-Brianza-Lodi

Indice del costo d'acquisto delle commodities per le imprese industriali

L’Indice del costo d'acquisto delle commodities per le imprese industriali CCIAA Milano-REF Ricerche aggrega i prezzi di 50 commodities, ponderate sulla struttura delle importazioni italiane dell’anno base (anno 2010=100). Si tratta, cioè, di un indice alla Laspeyres. L’indice generale è scomposto in sottoindici elementari che riaggregano gruppi di materie prime secondo la classificazione tradizionale: energetici e non energetici e, per questi ultimi, alimentari e non alimentari. Esso non è altro che il naturale proseguimento della costruzione dell’Indice del costo di acquisto in euro delle materie prime CCIAA Milano-REF Ricerche, che è stato rivisto ed adeguato alle modificazioni della struttura produttiva nazionale.
vai all'Indice del costo di acquisto delle commodities per le imprese industriali

Indici di settore

Di particolare interesse per le imprese che desiderano conoscere l'andamento dei prezzi degli input acquistati dal settore di appartenenza.
vai agli Indici di settore

Indici Istat

Prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (costo vita)

Gli indici dei prezzi al consumo sono lo strumento per misurare la variazione temporale della media ponderata dei prezzi che si formano nelle transazioni relative a beni e servizi di consumo scambiati tra gli operatori economici e i consumatori privati finali (ad esclusione, quindi, le transazioni a titolo gratuito, quelle intermedie e quelle che coinvolgono enti pubblici).
Gli Indici dei Prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI) hanno come riferimento solo la popolazione formata da famiglie di lavoratori dipendenti, impiegati e operai, dei settori extragricoli e i beni e servizi, aventi prezzi di mercato, da essi acquistati nei comuni capoluogo di regione. Il FOI è l'indice prodotto più rapidamente e a cui la legislazione italiana assegna gli effetti amministrativi più importanti. Si fa riferimento ad esso infatti per regolare gli adeguamenti automatici dei valori monetari di anni e periodi diversi. Il paniere è costituito da oltre 500 prodotti, raggruppati a seconda della classificazione adottata in voci, categorie e capitoli di spesa. In conformità alla Legge 5 febbrario 1992, n. 81, questo indice viene calcolato al netto dei consumi di tabacco.

Costo di costruzione di un fabbricato residenziale

Pubblicato dall'Istat dal 1967, questo indice misura la variazione del costo diretto di un fabbricato ad uso abitativo. Dal gennaio 2003 questo indice viene calcolato nella nuova base 2000=100 in attuazione del Regolamento (CE) n.1165/98 del Consiglio dell'Unione Europea relativo alle statistiche congiunturali. Il fabbricato tipo preso in esame è un edificio di 4 piani con 24 abitazioni, parte delle quali dotate di doppi servizi, con cantine e box. La superficie residenziale media per ogni unità abitativa è di 88 mq. mentre quella non residenziale è di circa 50 mq.
Ai fini del calcolo dell'indice vengono rilevati i prezzi relativi a 3 diverse componenti di costo:

  • COSTO ORARIO DELLA MANO D'OPERA
    I dati sono rilevati direttamente dall'Istat e si riferiscono ai costi della mano d'opera distinti per ciascuna qualifica: operaio specializzato, operaio qualificato e operaio comune.
  • COSTO DEI MATERIALI
    I dati si riferiscono ai prezzi dei materiali resi franco cantiere e sono rilevati mensilmente dalle Camere di Commercio in 20 capoluoghi di regione, esclusa Aosta e le province autonome di Trento e Bolzano. A partire da gennaio 2003, la città di Reggio Calabria è stata sostituita da quella di Catanzaro, per uniformare la metodologia di rilevazione.
  • COSTI DEI TRASPORTI E NOLI
    I dati si riferiscono al costo dei trasporti e noli a caldo, cioè comprendono il consumo di carburante e/o energia elettrica e sono rilevati dai Provveditorati regionali alle Opere Pubbliche.

vai agli Indici Istat

Indice dei prezzi delle pelli grezze salate nazionali

Elaborato nel 2008 attraverso la collaborazione tra l'Ufficio Prezzi della CCIAA Milano e l'associazione Unionpelli, l'indicatore fornisce sinteticamente utili informazioni sull'andamento dei prezzi delle pelli grezze nazionali.
vai all'Indice dei prezzi delle pelli grezze salate nazionali